…e qual è quella sbagliata?

Senza scomodare illustri scrittori, non è possibile dare una risposta corretta.

Semplicemente perché la domanda è posta male. Giusta o sbagliata rispetto a cosa?

Non esiste la fotografia giusta, così come non esiste la fotografia sbagliata.

Esiste sempre, invece, la fotografia giusta o sbagliata per qualcosa o qualcuno o per un messaggio da veicolare.

Sento dire spesso commenti del tipo: “…però, la foto è inquadrata male…”, “…la foto mi sembra sfuocata…”, “…la foto è mossa…” e via di seguito. Non sempre le osservazioni fatte si riferiscono a veri e propri errori. Il bravo fotografo opera sempre una scelta comunicando anche con strumenti meno convenzionali. Spesso aggiunge maggiore enfasi al messaggio che vuole veicolare.

La foto che vedi in questa pagina, per esempio, potrebbe essere, superficialmente, definita come sbagliata. Se invece la guardi con attenzione, e ti soffermi sulla scena nel suo complesso, noterai che la foto è mossa per scelta e non per un errore. L’effetto delle foto mossa, utilizzando anche la tecnica dell’open flash, aggiunge un forte dinamismo a tutta la scena e contribuisce in modo chiaro a definire il concetto alla base della comunicazione: il grande dinamismo delle persone che si allenano in palestra.

Il presunto errore tecnico, viene quindi utilizzato per esaltare il messaggio che il cliente chiedeva e si aspettava.