``Vengono Meglio?``

Le foto comode

La società moderna è invasa da quantità enormi di immagini digitali.

Inoltre, complice anche il numero spropositato di smartphone, sempre più spesso,

si sente dire: con il mio telefono le foto vengono meglio.

Ma è proprio cosi? Vediamo di fare un pò di chiarezza.

Gli smartphone sono comodi, veloci e facili da usare. Più piccoli e leggeri di una qualunque macchina fotografica. Sono sempre con noi perché ci servono anche per telefonare.

Quando vogliamo fare una foto, basta inquadrare e fare click.

Senza preoccuparsi della esposizione, della messa a fuoco, ecc…

Tecnicamente, il risultato finale, sopratutto negli ultimi anni, è buono.

Ad oggi, il vantaggio esclusivo degli smartphone, sta nella possibilità di utilizzare subito ciò che abbiamo fotografato. Condividendolo sui vari social oppure per qualunque altro utilizzo.

Una caratteristica innegabilmente interessante.

Smartphone

La qualità?

Ma la qualità?

La risposta non può essere univoca.

Bisogna innanzitutto chiedersi: qualità per chi, per cosa?

Se scattiamo foto per documentare, ricordare e condividere alcuni momenti della nostra quotidianità, allora, la qualità è più che buona. I sensori fotografici degli smartphone moderni sono di altissima qualità e quasi tutti fanno uso della tecnologia di Intelligenza Artificiale.

Se, invece, utilizziamo quelle foto anche per farne delle stampe, allora, forse, questa qualità potrebbe non essere più sufficiente. Il limite per ora, sta nella dimensione fisica dei sensori e delle lenti, molto piccoli rispetto a quelli delle macchine fotografiche.

Smartphone

L'ingrandimento

Per una valutazione decisiva sulla qualità, bisogna considerare l’ingrandimento.

Quante volte possiamo ingrandire l’immagine prima di vedere una perdita di qualità?

Sullo schermo di uno smartphone, di un tablet o di un computer, questo valore è ininfluente. Ma, se facciamo delle stampe di varie dimensioni, anche non grandi, allora, potremmo vedere i problemi associati a sensori e ottiche di piccolissime dimensioni.

Innanzitutto la grana. E poi, la mancanza di definizione, di nitidezza, le aberrazioni cromatiche ecc… Tutti difetti a cui l’Intelligenza Artificiale non ha ancora trovato un rimedio valido.

Quindi, lo smartphone è certamente un valido compagno di viaggio per scattare foto in momenti spesso unici, senza percepire grossi difetti di qualità viste a monitor.

Se, invece, abbiamo piacere di fare qualche stampa fotografica da incorniciare e appendere, oppure da regalare, allora, la mancanza di qualità risulterà evidente.

In queste occasioni, conviene ancora scattare con la nostra cara macchina fotografica.